Fin’oltre il limite (VENDUTO)

ebmela_FinOltreIlLimite

40×50, 2011, acrilico su tela

Cercare. Non limitarsi dentro quanto già si conosce, ma varcare il limite dell’ignoto. La via è illuminata non solo dalla nostra fioca luce, ma anche da un bagliore, un chiarore alle nostre spalle. Perché per quanti nuovi confini apriremo, non abbandoneremo mai la nostra vecchia porzione di mondo, e chi, con noi, l’abitava. I colori stesi con la spugna rendono i contorni indefiniti, perché nulla è netto, quando si passa un confine.

 

Fiaba

ebmela_Fiaba35×50 cm, 2010, olio su tela

Fiori appesi sugli alberi, rilucenti spirali che disegnano il contorno di prati e colline e una timida Luna che rischiara il cielo notturno. Una tela che racconta la fiaba che racconta il riposo di quei luoghi inventati tra il sonno e la veglia. Una tela che curiosa su ciò che accade nel regno fiabesco, mentre il mondo – il nostro – riposa…un pò più lontano.

Senza titolo

ebmela_SenzaTitolo

30×40, 2008, acrilico su tela

Guardo questo quadro, in questo momento, appeso al muro di casa, il lago che sulla tela si riflette come in uno specchio deformante, con le onde che si arricciano, col sole che le tinge d’oro e le nuvole sdraiate sull’acqua. Guardo questo quadro, ne tocco il colore in rilievo, poggio le dita sui tasselli bianchi, schizzi dell’acqua che corrono su fino alle nuvole…e il profumo del lago entra nella stanza.

NonLuogo al tramonto

ebmela_NonLuogoAlTramonto

20×40 cm, 2009, olio su tela

Sentirsi parte della silenziosa immobilità di certi panorami fatti di colline, pozze d’acqua che assorbono il verde circostante, alberi solitari che si fanno compagnia da lontano. Cieli profondi, non chimicamente modificati da un inquinamento metopolitano e parole scritte nelle nuvole, di cui si indovinano le forme. Tanto i colori accesi quanto le spirali d’oro provano a ricreare il calore sospeso e la familiarità di quel panorama irreale, collage di posti e sensazioni esistenti.

Assenza

ebmela_Assenza

20×30 cm, 2009, olio su tela

Una lontana sera d’estate, la compagnia di qualche amica e qualcosa che manca nel cielo. Ecco cosa si nasconde dietro le spatolate e i colori di questa tela. Nuvole di fumo che si muovono fra gli alberi, unico segno di quella luce colorata che manca nel cielo del quadro, ma non nel ricordo di quella serata affollata.